Questo blog si occupa semplicemente di Musica. Qui troverete tante recensioni e news sugli album usciti da poco, quelli che hanno fatto la storia...e di quelli che non l'hanno fatta! Sulla colonna a sinistra, potete condividere il Blog su Facebook o Twitter; è presente, inoltre, un lettore mp3 grazie al quale potete ascoltare un po' di Classic Rock, e l'archivio con tutte le recensioni realizzate fino ad ora! Sulla colonna di destra gli articoli sono divisi per Artisti e generi musicali e sono inoltre segnalati tutti i post più popolari del Blog! E' possibile lasciare commenti ai post e votare agli eventuali sondaggi anche senza avere un account.

Seguimi anche su Facebook alla pagina "Crazy Diamond Music" e su "Blur & Brit Pop" e "Joy Division, Heart and Soul."!
Passa anche sul NUOVO SITO di Crazy Diamond Music:
http://crazydiamondmusic.altervista.org/blog/

Buona Musica a tutti :)

lunedì 27 giugno 2011

"Danza Kuduro" e il fenomeno dei "tormentoni"


Tormentoni: il segreto del successo?
"Danza Kuduro" è la solita canzone estiva, inutile, basata sull'intramontabile (ahimè!) ritmo latineggiante che tira parecchio soprattutto in estate, con video e testo alla "guardate quanto so' figo con tutti 'sti culi attorno!". Gli autori di quello che sarà certamente uno dei tormentoni trainanti dell'Estate 2011 sono Don Omar e Lucenzo. E da dove spuntano questi qua, vi chiederete voi? E io che ne so, vi rispondo. E' solo un tormentone estivo, l'ennesimo; ci si ricorda il motivetto insulso e martellante della canzone, non chi l'ha scritta o chi la canta. Anche perché costoro molto probabilmente spariranno dalla circolazione dopo aver guadagnato una barca di soldi in una sola estate come One Hit Wonder, o rispunteranno la prossima, allungando la lista dei "ho spopolato con una canzone, così ogni estate la ripropongo cambiando le parole. E mi mantengo ricco!". Però ho letto che questo pezzo è la colonna di "Fast and Furios 5". Roba "in" insomma.

"Danza Kuduro" ha tutte le carte in regola per replicare il successo ottenuto l'anno scorso da "Waka Waka", ma magari al tormentone di Shakira possiamo riconoscere l'attenuante di aver fatto in qualche modo da collante ballabile tra persone che vivono da un capo all'altro del pianeta. Se siamo buoni. O buonisti, che è il termine più giusto credo.
Ma tecnicamente, cos'è un tormentone? Un tormentone, estivo o non, altro non è che una canzone orecchiabile e di facile ascolto, che rimane impressa anche se non la si ascolta attivamente. E', per questo motivo, usata e sfruttata da radio, pubblicità, programmi tv ecc, diventando ancora più perentoria e ossessiva. Si può dire che un tormentone è anche, in qualche modo, specchio della società. O perlomeno, di una parte di essa, di quella più effimera.

Potremmo dire che il tormentone è il corrispettivo televisivo di una "fiction per le famiglie"; inizi a vederla, vai in bagno, ti fai una doccia in tutta calma e quando ritorni davanti al televisore, ci vogliono pochi secondi per capire cos'è successo: tanto è sempre la solita solfa.
Per capire qual è il segreto del successo di un tormentone doc ho analizzato musicalmente proprio "Danza Kuduro"; le parole sono terribili, ma si tratta di un tormentone, per di più internazionale, quindi le parole a che servono? Sono da sfigati. Lasciamole ai Radiohead le parole. Ah già, i seguaci dei tormentoni (sì, esistono!) solitamente hanno visioni, musicali e non, decisamente ristrette. E non sono neanche a conoscenza dell'esistenza di Tom Yorke. Dicevamo. Allora, "Danza Kuduro" inizia con una brevissima intro dance e parlata, durata di pochissimi secondi, e subito ci immerge nel ritornello. Che, da subito, ripete due volte. Poi abbiamo due strofe veloci, sempre sulla stessa base musicale, ritmicamente molto lineare, uno stacco, vari e immancabili "oi" "oi". Di nuovo il ritornello ripetuto due volte, stacco, gli "oi" "oi" e ancora il ritornello x2. La canzone apre e chiude col refrain quindi, che viene ripetuto, in poco più di tre minuti, ben 7 volte. Se non ti entra in testa anche dopo un solo ascolto, o sei cretino. O hai problemi di memoria.

Ma forse non dovremmo prendercela tanto. In fondo i tormentoni ci sono sempre stati. Come dimenticare negli anni '60 Edoardo Vianello e le sue varie "Abbronzatissima" (ripresa poi in versione rap da Brusco negli anni 2000 e diventata anch'essa un tormentone), la terribile "Guarda come dondolo" ecc. Non voglio fare quindi un discorso del tipo "le canzoni vecchie sono belle, le nuove fanno schifo", sarebbe anacronistico e poco credibile, anche perché è innegabile che esistano tormentoni belli. Un esempio straniero e uno italiano: "Heroes" di David Bowie e "Donne" di Zucchero. Anche questi, a modo loro, sono state tormentoni. Ma stiamo già su un altro livello. Eppure anche a distanza di parecchi anni, tutti se le ricordano ancora. Altri esempi più recenti? "Left Outside Alone" di Anastacia, "Feel" di Robbie Williams (questo era un tormentone invernale!), "Just Feel Better" con la voce straordinaria di Steven Tyler e la chitarra di Santana che non ha certo bisogno di presentazioni. E ancora l'unica canzone carina dei BEP, "Where's the Love", l'esordio al grande pubblico degli Evanescence con "Bring me to Life" e la dolcezza di Dido in "White Flag". Ed io, che sono una grandissima fan dei RHCP, non posso non ricordare che fin da prima che io nascessi, hanno infilato degli ottimi "tormentoni", attraversando generi e decenni musicali come pochi altri, da "Give it Away" a "Scar Tissue", da "By the Way" a "Dani California".

E in Italia? Be', nel '97 sono approdati i Lunapop con la fresca e spensierata "5o Special" e con un solo album ("Squerez?") hanno piazzato ben sei canzoni in classifica e nella mente degli italiani. Talvolta persino nei cuori. Anche gli Articolo 31, capitanati da JAx, non sono stati da meno; basti citare "Domani smetto" e "La mia ragazza mena". Mi sembra giusto annotare anche la bellissima voce di Mango che, con "La Rondine" (2002), aveva decisamente fatto centro.

Fenomeno a suo modo multiforme ma semplice. Spesso e volentieri catastrofe per l'umanità e per la buona musica, bisogna dirlo.
Ma ora non fate i moralisti e dite che vi è venuta voglia di ascoltare "Girlfriend" di Avril Lavigne o di muovervi un po' con "La Canzone del Capitano"!

...Ah, stavate già ballando "Aserejè" in salotto, capisco.


18 commenti:

  1. ciao!!! devo dire prima di tutto che hai avuto in'idea geniale scrivendo quest'articolo, che mi è piaciuto moltissimo...mi viene da pensare anche ad altri tipi di tormentoni (se così si possono chiamare), sto parlando di quelli post- festival di sanremo... quelli che si sentono nel mese successivo al festival, che diventano tormentoni -sul serio!!- per poco e che poi scompaiono x anni (già ho difficoltà a ricordare chi ha vinto quest'anno... ma questa è un'altra storia...); oppure alle sigle dei programmi tv che fanno la storia. Vi ricordate Furore?? andava in onda su Rai2 ai tempi... "furore, furore, furore nanananaaa!", oppure Passaparola, "ullalla, ullalla, ullallalaaa, vieni a giocare vieni con noi!!". Hai ragione, di sicuro questi non sono veri e propri tormantoni, ma in un certo senso, ci hanno tormentato piacevolmente e abbastanza, e a risentirli il solo effetto che fatto è quello di scatenare una marea di ricordi... perchè in fondo secondo me ad ogni tormentone ognuno di noi ha collegato un evento: una storia d'amore, una vittoria al torneo dell'oratorio, una serata folle... pensa ad un ragazzo a cui chiedono "-ma quand'è che ti sei rotto la gamba??- -guarda non ricordo...però era l'anno di mambo n.5... non me lo potrò mai domenticare!! la ballavano tutti al lido e il massimo che potevo fare era guardare la tipa con cui avrei dovuto ballarla...-". Questi tormentoni a volte possono essere una "Obsession"... XD -Mary!-

    RispondiElimina
  2. Questo è uno dei tuoi migliori articoli!!!
    Bello bello bello!!! (Ti voglio sempre così frizzante e spiritosa, anzi magari anche di più!)

    Va be a parte i miei complimenti da bimbominkia, i tormentoni non sono negativi fin quando non arrivano alla saturazione...diciamo che sono decrescenti come l'utilità marginale in economia.
    (per approfondimenti sull'utilità marginale: http://it.wikipedia.org/wiki/Utilit%C3%A0_marginale )

    Penso che è normale che siano ballabili e orecchiabili perché d'estate la gente vuole andare a divertirsi e all'ascolto di particolari canzoni si scatena. Poi ci sono i tormentoni localizzati che sono i più belli (come "Non succederà più" e "Alghero" l'anno scorso) ma mettono una malinconia infinita quando li ascolti d'inverno :(
    Certo capisco che possano infastidire agli esperti di musica come te perché anch'io quando vedo boiate al cinema come Natale in Nicaragua provo più fastidio che piacere (non la sopporto tanta bassezza!) ma che vuoi farci! Mi consolo con l'idea che la gente vuole "ridere ridere ridere" (cit. M. Placido) senza pensarci (e si lo ammetto: anch'io a volte cedo alla tentazione e mi do a questo tipo di divertimento!) senza capire che le vere opere d'arte mantengono sempre la propria leggerezza (a cui fanno appello gli estimatori di tali generi musicali/cinematografici) anche quando le tematiche non lo sono affatto!

    Quindi...
    W la leggerezza!

    Frappi

    RispondiElimina
  3. Comunque sappi che io sono giustificata, la musica è più evocativa del cinema, può avere più funzioni, può essere che tu non voglia ascoltarla ma la ascolti lo stesso, può essere che ti faccia schifo ma ti emoziona perché ti ricorda un particolare avvenimento. Un film non lo leghi a niente, puoi immedesimarti nella storia o nei personaggi e sentirlo maggiormente tuo, ma se è brutto saranno comunque due ore del tuo tempo sprecate.
    Baci

    RispondiElimina
  4. Come al solito vi ringrazio per i vostri commenti ironici e brillanti. Concordo sugli innumerevoli tormentoni oltre quelli da me citati che ci assillano, piacevolmente o meno, ogni anno, dalle sigle tv, a quelli post-sanremesi!
    E mi piace molto il parallelo musica-cinema descritto da Frappi. Ci si potrebbe scrivere un post :P

    RispondiElimina
  5. io adoro lucenzo e tutti quelli che hanno fatto canzoni insieme, ma devo dire che danza kuduro è la canzone più bella che io abbia mai ascoltato la ascolto ogni giorno... e poi è anke famosa x fast and furios5 che hanno fatto alla fine del film c'era danza kuduro come canzone invece che le solite senza ritmo...
    ciaoooo da Arianna baci.

    RispondiElimina
  6. NN è proprio il mio genere xò sta canzone è stra bella

    RispondiElimina
  7. Passate anche sulla Pagina Facebook:
    Crazy Diamond Music
    ;)

    RispondiElimina
  8. complimentissimi per il post, ti ho appena linkato nel mio http://arrgianf.blogspot.com/2011/08/musica-tormentone-estate-2011-e-danza.html

    RispondiElimina
  9. Il Nuovo tormentone 2011? http://youtu.be/1ksKhl19mGo

    RispondiElimina
  10. guarda che don omar era gia famoso certo no come adesso e anche lucenzo quindi se TU non sai chi sono perchè sei un povero aretrato cazzo parli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma chi li caga, i soliti spiantati che senza autotune devono andare a nascondersi

      Elimina
    2. Vabbè, non ho un profilo e non mi va di farlo(sono Riccardo cska etc). Comunque bell'articolo, abbiam dimenticato uno dei migliori degli ultimi anni (Somebody that I used to know) e mi andava di citarlo. Tuttavia, devo andare controcorrente: Dido, Lunapop, Anastacia, Bowie a parte, moltissimi dei tormentoni mi annoiano al secondo ascolto, e iniziano da subito a farmi schifo, quando sono costretto ad ascoltarli. Mi fa anche ribrezzo il meccanismo con cui sono prodotti e pubblicizzati. Ma esistono e a certa gente piacciono, me ne dovrò fare una ragione, esulto quando ne esce uno decente, e mi metto le cuffie quando parte danza kuduro.

      Elimina
  11. ehehhehehehe si si come al solito sti due parassiti avranno guadagnato come due porci per una canzone che ha martellato lo scroto tutta l'estate..na canzone che serviva solo per far muovere il dretano alle tipe..hhehe non si distingue ste taccette dalla vera musica

    RispondiElimina
  12. Semplicemente io3 gennaio 2012 04:55

    Lascio perdere che hai dimenticato il vero e unico tormentone estivo dei LMFAO "Party rock anthem" mille volte meglio di Danza Kuduro, perchè oggi non sono in vena di polemica :D. Sarei però una bugiarda se non dicessi che anche io ho adorato questa canzone, ballandola e cantandola anche sotto la doccia e mentre dormivo. Però devo anche dire che l'unica cosa che mi ricordo ora di questa canzone è il ritornello XD
    Tralasciando anche il commento di Anonimo del 23 novembre ... che poteva anche risparmiarsi di fare una brutta figura esagerando anche con le parole e con gli errori.
    Adoro quest'articolo ... visiterò molto più spesso questo blog.
    Però, ammettiamolo tutti, chi non ha ballato Danza Kuduro quest'estate in spiaggia? :D
    ciao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io. (son sempre Riccardo, lol)

      Elimina
  13. Ahahahah ma io non sono molto informata in fatto di tormentoni e infatti non ho mai neanche ballato questa :DD
    Se intendi continuare a seguirmi, come hai detto, puoi iscriverti al Blog come "membro fisso" o anche seguirmi sulla pagina Facebook
    "Crazy Diamond Music" (https://www.facebook.com/pages/Crazy-Diamond-Music/247554851925116)
    :)

    RispondiElimina
  14. Il problema di molti "tormentoni" è che sono iper-prodotti, iper-levigati...ed è per questo motivo se anche quelli più carini alla lunga finiscono per stancare.
    Per quanto riguarda "Somebody that I used to know" io faccio proprio un discorso a parte, in quanto ritengo Gotye un artista vero e non uno per l'estate. Ho anche scritto un post a riguardo: http://crazydiamondmusic.blogspot.it/search/label/Gotye :))

    RispondiElimina
  15. Brano mitico. Io lo adoro. Se volete sapere il significato del brano vi segnalo questo sito che mette a disposizione la traduzione in italiano

    RispondiElimina