Questo blog si occupa semplicemente di Musica. Qui troverete tante recensioni e news sugli album usciti da poco, quelli che hanno fatto la storia...e di quelli che non l'hanno fatta! Sulla colonna a sinistra, potete condividere il Blog su Facebook o Twitter; è presente, inoltre, un lettore mp3 grazie al quale potete ascoltare un po' di Classic Rock, e l'archivio con tutte le recensioni realizzate fino ad ora! Sulla colonna di destra gli articoli sono divisi per Artisti e generi musicali e sono inoltre segnalati tutti i post più popolari del Blog! E' possibile lasciare commenti ai post e votare agli eventuali sondaggi anche senza avere un account.

Seguimi anche su Facebook alla pagina "Crazy Diamond Music" e su "Blur & Brit Pop" e "Joy Division, Heart and Soul."!
Passa anche sul NUOVO SITO di Crazy Diamond Music:
http://crazydiamondmusic.altervista.org/blog/

Buona Musica a tutti :)

domenica 3 aprile 2011

"Vivo Sospesa"- Nathalie

(2011, Genere: Piano Rock, Pop Rock)

Piccole rockstar crescono.
La storia musicale di Nathalie (classe 1979) inizia parecchi anni fa, ed è costituita da dura gavetta nei locali romani e non solo, molti premi vinti, tante belle canzoni incise, l'aver fatto parte di un buon gruppo nu metal (Damage Done) e di una cover band Skunk Anansie (SkunKover), un viaggio in Irlanda come artista di strada, l'aver aperto i concerti di Max Gazzè, La Crus, Vision Divine, Beholder, Cristina Donà e Andrea Mirò, e molto altro. Ma dalla maggioranza delle persone è conosciuta solo come "Nathalie di X-Factor", estremo tentativo della cantautrice italo-belga, in un mercato saturo (di robaccia) come quello italiano, di ampliare il proprio pubblico. C'è da dire che anche adesso il suo pubblico non è vastissimo, ma le potenzialità di Nathalie fanno ben sperare. L'album d'esordio, "Vivo Sospesa", album di delicato pop rock infarcito di influenze goth e del cantautoriato statunitense, sembrerebbe costituire l'apice della sua carriera piuttosto che il principio. Il brano d'apertura, "Paura del buio", è semplice e grintoso, quello che ci vuole prima di immergerci nelle atmosfere fatate della sanremese "Vivo Sospesa", di cui Saku ha realizzato uno splendido videoclip che contribuisce a dare importanza alle parole del testo ("punti di forza in tempeste di vento, fragili forme consumate dal tempo" è poeticissimo). Si arriva poi a un brano dal sound internazionale: "Intimate colours" che si vivacizza in un crescendo via via sempre più alto, ricordando i fasti di Jeff Buckley, e ha un esodo più rock che mai. Ancora ammirati per questo fantastico brano, passiamo alla canzone che ha portato Nathalie alla notorietà: "In punta di piedi", soave poesia pop che racconta l'amore in modo semplice ma mai banale. L'utilizzo dell'autotune nella versione album è eccessivo e dal vivo la canzone rende molto di più, ma vale la pena ascoltare e godersi questa storia di speranza e ritrovata fiducia, così come vale la pena guardare la propria immagine riflessa "Nello specchio", vecchio brano della cantautrice scritto in inglese ("My reflection") e quivi tradotto molto bene in italiano, e attraversare i suoi aspetti più dark con la seguente "Cuore calmo", altro suo brano di qualche anno fa. Siamo arrivati alla traccia numero 7 di "Vivo Sospesa", una delle migliori, "Lungo le sponde del fiume", in cui l'influenza del Faber è palese, soprattutto del De Andrè della malinconica e dolcissima "Inverno", riscontrata nell'intro soffuso, quasi ad evocare i paesaggi freddi, tormentati ma splendidi di entrambe le canzoni ("le sponde del fiume", "l'acqua tra le rocce scivolata" e "sale la nebbia sui prati bianchi", "la neve se ne andrà domani"...) e nella scrittura poetica e piacevole. Con le due canzoni che seguono, invece, si volta pagina; "Suspended", seconda traccia in inglese, viaggio ad ali planate nel mondo fatato della cantautrice, e "Mucchi di gente" che nel testo strizza l'occhio al sociale, su un accompagnamento vivace e incalzante. Ci avviciniamo alla conclusione con un'altra perla dell'album: "Sogno freddo", evocativo sia nella musica che nelle parole ("ti sogno quasi desta e resta nell'ombra un'immagine di te"). Qui l'accuratezza della melodia e soprattutto degli archi, presenza fissa dell'intero cd, e degli arrangiamenti, risplendono con forza senza mai risultare appariscenti. Consigliata ai più scettici. Il congedo ha il sapore medievale di "Manteau Noir", brano in francese di vecchia data, semplice e delizioso. Ma lo scricciolo rosso non finisce di sorprendere e regala un'ultima emozione con "Searching", brano di indubbio gusto celtico ove la sua voce si mostra in tutta la sua eleganza e capacità tecnica ed espressiva. E' una bonus track non contenuta, purtroppo, nel cd fisico ma in quello scaricabile da I-Tunes.

Dunque, il nostro viaggio nel "crazy little world" di Nathalie è terminato e voi vi starete chiedendo se è possibile che l'album d'esordio di un'ambiziosa cantautrice sia privo di difetti. Personalmente credo che, stando al punto di vista del pubblico di massa, difetti se ne troverebbero a bizzeffe: la scrittura a volte troppo criptica e poetica, melodie che per chi non è del genere sembrerebbero ostentare eleganza a tutti i costi...ma tengo a ribadire che, nell'ambito di una discografica poverissima di talenti veri, Nathalie costituisce una vera e propria risorsa creativa e, pur non avendo creato nulla di nuovo, non si piega alle leggi del pop da quattro soldi e continua per la sua strada.

Raising Girl consiglia l'ascolto di: "Lungo le sponde del fiume".

Nathalie, "Vivo Sospesa": 8


Artisti simili a Nathalie: Fiona Apple, Skin.

7 commenti:

  1. Bella recensione! Complimenti.

    RispondiElimina
  2. sono pienamente d'accordo!!! nath è favolosa... le sue melodie e le sue parole nei brani sono complesse e ben curate!!! le auguro di continuare al meglio per la sua strada...purtroppo quì in Italia il mercato della musica fa pietà, è veramente da 4 soldi... si ascoltano solo canzoncine, ma lei non cede a tutto ciò continuando a scrivere e suonare ciò che sente suo e questo fa di lei una grande artista... e anche se il suo pubblico non è vastissimo chi la segue sa quanto vale e continuerà a seguirla!!! forza naaaathhhhhhhhhhhhhhhh!!!

    RispondiElimina
  3. Grazie a entrambi per i complimenti :)
    Spero che Nathalie possa continuare a portare avanti le sue idee musicali senza compromessi perché è un talento cristallino, così come spero che la discografia italiana si svegli da questo letargo monopolizzato e oligarchico.

    Passate anche dalla Pagina Facebook:
    Crazy Diamond Music
    ;)

    RispondiElimina
  4. Molto bella questa recensione! Dettagliata, oggettiva, non tralascia nulla ma allo stesso tempo non è prolissa... non si ferma al solito concetto.. ti seguo da un po', e continuerò sicuramente a farlo.

    RispondiElimina
  5. la migliore rencensione che ho letto su di lei :) sei stata molto obbiettiva, ho inserito questa recensione anche nelle mie note su facebook cosi che tutti possano leggerla ;)
    spero che scriverai un pezzo anche sul prossimo album di questa straordinaria artista
    ciao. frank yagami

    RispondiElimina
  6. Ricordo di aver letto il tuo nome girando sulle pagine fb e il forum di Nathalie :D
    Grazie mille, lo farò senz'altro; anche perché "Vivo Sospesa" l'ho comperato originale, quindi sono anche io in attesa per il prossimo album ;)

    RispondiElimina